"Mantova: scenografia urbana" di Franz Fallavollita

Contributo #1:
 

La città è un corpo vivo, circolare direbbe un uomo di scienza, il cui stato è sempre in bilico tra ciò che è stato e ciò che sarà (o non sarà, un non finito…); il progetto di architettura esprime questo processo inafferabile del tempo. Perché occuparsi di questo breve tratto di strada “mantovana” simile a molti altri in Italia ed in Europa? Forse perché qui ritroviamo quell’antico e profondo rapporto tra la permanenza del piano e le architetture che ne costruiscono la scena fissa, quest’ultime variabili e modificabili nel tempo, a volta solide a volte effimere. Questa è la storia della città e con essa di noi uomini civili. Questa posizione (generale e personale) è in netta contrapposizione con le posizioni dell’architettura “oggetto”, che si esprimono solo attraverso una sorta di catarsi del tempo e della realtà, architetture di forma priva della matrice: la città.

 

maggiori dettagli e testo completo nella pubblicazione animata.ch N. 1

in viaggio nelle tappe di: Lugano e Mendrisio.

 

Mantova, via Larga

(elaborazioni dell'autore)

 

 

more infos and text in cahier animata nr. 1 - on show

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload